fbpx

L’importanza del team working per lavorare nell’eccellenza è indiscussa. 

Non si può fare tutto da soli: collaborazione, rispetto dei ruoli e divertimento aiutano ad affrontare e vincere insieme le sfide della vita.

Perché quando pensiamo di fare qualcosa da soli, ci viene tutto più difficile? Ed invece quando siamo in gruppo siamo più motivati?

Te lo spiego qui:

L’uomo è, per natura, un “animale sociale”. Il bisogno di connessione è infatti uno dei bisogni fondamentali dell’essere umano, che trova nella capacità del dare agli altri il senso più profondo della propria vita e il vero appagamento. 

Quindi, chiunque pensi di fare tutto da solo e essere felice senza il contributo di altre persone, difficilmente realizzerà il proprio obiettivo e, se mai vi riuscisse, non avrebbe con chi condividerlo. 

Far parte di un gruppo, che si tratti di una coppia, di una squadra sportiva o di un Team di lavoro, di qualcosa di più grande del singolo, è di certo uno dei modi migliori per provare piena soddisfazione e sentire lo stato d’animo della completezza

Team working: l’interdipendenza è il legame produttivo che si instaura nei team 

Una squadra è tanto più forte quanto più armonico ed equilibrato è il rapporto tra i suoi componenti. 

Ciascuno di essi deve essere consapevole della propria importanza e sicuro che la vittoria dipenda anche dal proprio contributo, non solo da chi ha segnato il punto della vittoria. 

Questo significa essere interdipendenti, lavorare in sinergia con altri per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto reciproco dei ruoli e delle personalità. 

Non è sempre facile. 

A volte si scatenano conflitti tra persone che possiedono valori diversi; altre volte il temperamento del più forte si impone sul più debole, soffocando la sua voce. Tutto ciò compromette il raggiungimento del risultato atteso e produce un dispendio eccessivo di energie che, a lungo andare, debilita l’intera squadra. 

Pensate a quante energie si perdono inutilmente quando si entra in conflitto con un collega o un famigliare. 

Tutto ciò si può evitare se non si perde di vista l’obiettivo: la vittoria, non personale, ma quella dell’intera squadra. 

Se si parla ad esempio di una coppia, si può pensare ai due partner come a due ciclisti in fuga, i quali, per viaggiare più velocemente verso il traguardo, si alternano al comando, un po’ tirando e un po’ facendosi tirare dal compagno, con il risultato che in due riescono a mantenere una velocità di crociera ben superiore a quella che avrebbero potuto tenere da soli.

team working lavoro

Pensare win win è la soluzione ai conflitti nel lavoro

Win win significa “Vinco io ma vinci anche tu”.

Pensi sia fattibile un legame di questo tipo?

In tutte le aree della vita vige il principio “Win/Win”, “Vinco io se vinci tu”. Uno dei modi migliori per far sì che altri collaborino volentieri con noi è instaurare dei rapporti “Vincere/Vincere”. 

Con questa definizione si intende un atteggiamento che abbia a cuore il risultato personale, ma che abbia altrettanto attenzione a un risultato positivo della controparte. 

Purtroppo la maggior parte delle persone si focalizza sul risultato immediato che gli interessa raggiungere, invece che sul lungo termine. 

Proprio a causa di questo è più portata a garantirsi la soddisfazione immediata dei propri bisogni, invece che assicurarsi un risultato duraturo nel lungo periodo. Un rapporto “Vincere/Vincere” è una relazione nella quale entrambe le parti hanno la sensazione di guadagnare, dove nessuno si sente prevaricato e trae vantaggio, una relazione, lavorativa o personale, nella quale è piacevole stare per entrambi, dove nessuno si sente di aver dato più del giusto. 

Lavorare in team in modo efficace: un primo passo è definire bene i ruoli! 

Un Team rappresenta un piccola Società con una sua propria struttura organizzativa e con la necessaria configurazione di diversi ruoli assegnati ai relativi membri.


All’interno di un Team pertanto, dovranno essere previsti ed assegnati ruoli a ciascun membro, secondo quelle che sono le rispettive caratteristiche professionali e personali, per consentire a tutti di fornire il massimo contributo possibile per il raggiungimento degli scopi aziendali. 

Quindi ogni ruolo va ad inquadrare quello che sarà il raggio d’azione entro cui ciascun membro potrà autonomamente fornire il proprio contributo ed assumere le relative responsabilità.

Volendo generalizzare possiamo suddividere i ruoli in due grandi categorie: 

  • i Ruoli di Leadership (responsabilità), a cui compete la gestione e l’organizzazione del gruppo, 
  • i ruoli cosiddetti operativi (esecutivi), che si occupano dei compiti attuativi. 

Tali ruoli non dovranno però essere considerati individualmente in quanto sono tra loro interdipendenti e collegati, dando vita ad una fitta rete di correlazioni. 

Riuscire a coinvolgere tutti i componenti del Team nello svolgimento delle varie fasi operative e strategiche diventa di fondamentale importanza per creare un clima di reciproca fiducia e rispetto: uno degli strumenti che può rivelarsi utile a tale scopo è la Delega, in cui avviene la ripartizione del lavoro e delle relative responsabilità promuovendo la nascita del sentimento di appartenenza. 

In ogni squadra che si rispetti, ciascun giocatore ha un ruolo ben definito, solitamente assegnatogli in base a capacità e attitudini. 

Cosa accadrebbe se in una partita di calcio tutti, compreso il portiere, si dirigessero sul pallone? 

Ci sarebbe una gran confusione. 

Pertanto, un Team è tanto più forte quanto più è organizzato e i propri componenti sanno perfettamente quale ruolo devono ricoprire. 

Stabilire obiettivi chiari e condivisi, avere una visione comune dei risultati e di ciò che si vuole ottenere vale tanto per un’azienda che per qualsiasi rapporto personale o professionale. 

Così come una squadra sportiva tende verso un’unica meta chiara, semplice, ben definita, ovvero la vittoria, così anche nel Team di lavoro, nel rapporto di coppia o tra amici la mancata condivisione degli obiettivi può portare a conflitti, abbandoni, separazioni. 

La forza di un team di lavoro? la fiducia 

Sapere che si può contare al 100% sul proprio compagno di Team è alla base di ogni grande risultato di squadra: senza fiducia e affidabilità non può esistere un Team di lavoro vincente. 

Devi sapere che Un Team Work, o gruppo di lavoro, è una realtà complessa dove vi è una pluralità di individui, che si relazionano ed integrano tra loro, per la realizzazione di un obiettivo professionale prestabilito dall’Azienda di cui è parte integrante. 

Il lavoro in Team differisce totalmente dall’organizzazione di lavoro fondata su criteri gerarchici e autoritari, dove i singoli membri non sono considerati come parte integrante dell’iniziativa comune.


L’aspetto fondamentale del Team è la consapevolezza da parte dei suoi membri della reciproca interdipendenza che fa di un gruppo qualcosa di diverso e di più importante della sommatoria dei suoi componenti.


Quindi il primo obiettivo che un gruppo di lavoro deve porsi è quello della integrazione delle proprie esigenze e dei relativi bisogni individuali e collettivi, il primo passo verso l’integrazione avviene nell’ambito della gestione delle conoscenze ed informazioni, che vanno scambiate e condivise per un arricchimento reciproco personale e della relativa capacità produttiva. Per il singolo, il processo di integrazione, comporta quasi sempre la rinuncia a qualcosa della propria individualità e delle relative esigenze, al fine di perseguire gli obiettivi comuni mediando e ricercando metodi condivisi con gli altri membri.
Quindi, la base per la buona riuscita nel Team è la fiducia reciproca verso gli altri componenti affinché ciascuno si senta libero di esprimere le proprie idee e di confrontarle con quelle degli altri. 

Team di lavoro vincente: ecco gli elementi e le skill che non possono mancare

Affinché un team di lavoro possa essere definito vincente, devono coesistere alcuni elementi e caratteristiche fondamentali.

La Dedizione 

L’essenza di un Team è la sua dedizione condivisa verso il conseguimento di specifici obiettivi di performance: essa deriva da un sentimento condiviso di proprietà su quello che il Team vuole realizzare. 

I Team che nascono solo nella mente dei Manager raramente ottengono risultati di livello. 

Un modo attraverso cui alimentare la dedizione nel Team è la distribuzione delle ricompense anche sulla base degli sforzi collettivi di squadra, oltre che sule performance individuali: niente è più frustrante per l’impegno di un Team quando è il capo a prendersi tutti i meriti e le ricompense. 

Le Competenze 

Nella composizione di un Team vanno ricercate quelle abilità e talenti che insieme determineranno la competenza collettiva necessaria all’attività che andranno ad esercitare. Generalmente le tre competenze chiave sono: 

  • le Capacità Tecniche
  • l’abilità al Problem Solving
  • le Capacità Relazionali

Un Obiettivo Comune 

Se i membri del Team non hanno una visione comune dello scopo da perseguire congiuntamente, non sono in grado di lavorare insieme con la massima motivazione. 

L’elemento che caratterizza un gruppo e lo rende davvero efficace, è la corretta definizione degli obiettivi in base a parametri che li rendano chiari e condivisi da tutti i suoi membri, al fine di far coincidere gli interessi personali e quelli comuni. 

L’obiettivo rappresenta un fattore decisivo per incrementare la motivazione dei membri e per soddisfare le loro esigenze di autostima e realizzazione professionale e personale. 

Altro aspetto importante è lo sviluppo della consapevolezza di essere partecipe di una collettività da cui ne trarrà beneficio anche la vita relazionale; sentire di appartenere ad un gruppo dà vita a forme di identificazione che consentono di entrare nel ruolo assegnato e relazionarsi in base a schemi e regole prestabilite. 

Non esiste Team senza obiettivo da raggiungere: il gruppo nasce e si estingue in base agli obiettivi. 

Un obiettivo, quindi, deve risultare raggiungibile e misurabile in base a parametri oggettivi, prevedendo sempre una scadenza entro cui realizzarlo. Ogni obiettivo prevede una serie di obiettivi minori, che rappresentano il percorso; pertanto si dovrà stabilire l’obiettivo finale e quello operativo, ovvero il modo attraverso il quale raggiungerlo, la strategia. 

Team working vincente con un metodo di lavoro efficace

Lo sapevi che il metodo di lavoro rappresenta un ulteriore elemento di fondamentale importanza nella definizione di un Team?

E’  l’insieme di regole e procedure in base alle quali si svolge e si orienta l’intero complesso delle attività ed il suo funzionamento (Es. il nostro metodo MIA). Inoltre stabilisce quelle che saranno le tipologie comportamentali che più di frequente si verificheranno all’interno del Team e che riflettono la cultura aziendale di riferimento (riflette lo Stile, i Valori dell’Azienda). 

Il ruolo della leadership all’interno del team di lavoro

Dopo aver lavorato su te stesso (vedi articolo su come essere un buon leader) bisogna applicare la leadership nel team.

Cosa si intende per leadership oggi?

La Leadership è un modo di essere e di agire che tutti possiamo avere ed apprendere, non una qualità peculiare di individui speciali.

Nell’attuale società in continuo divenire essere Leader è fondamentale per stare al passo coi tempi e per adattarci ai continui mutamenti, anche grazie al continuo progredire delle tecnologie. Essere Leader significa essere in grado di realizzare quello che è veramente importante per noi in ogni ambito della vita. 

Il Leader ispira gli altri ad unirsi a sé sul proprio cammino, altrimenti è un viaggiatore solitario. 

La maggior influenza che il Leader esercita sugli altri deriva da quello che egli è oltre a ciò che fa attraverso gli esempi, ma deve necessariamente anche saper comunicare ed influenzare, nel rispetto del contesto in cui opera. 

Quindi la qualità di Leader deriva da ciò che facciamo e dal modo di pensare, non dal ruolo formale che rivestiamo all’interno dell’organizzazione, di qualunque tipo essa sia. Molte persone occupano una posizione autorevole senza per questo essere dei Leader. 

“Penso che una volta leadership significasse imporsi, oggi è possedere le qualità necessarie per ottenere la stima delle persone” (Indira Ghandi)

La Leadership è il risultato dei grandi cambiamenti che si sono avuti nella concezione del Management e sostituisce il vecchio modello autoritario del “comand and controll” che poteva essere giustificato in un contesto culturale e sociale completamente diverso da quello attuale. 

Lo scopo dei Leader oggi è quello di creare un contesto in cui le persone possono far emergere le proprie capacità, senza sminuire quelle degli altri. 

La leadership nel team di lavoro

Per creare coinvolgimento con in membri del Team è necessario avere una visione condivisa, realizzabile, valida e che ispiri prima di tutto noi stessi e poi gli altri: se non siamo convinti per prima noi, sarà quasi impossibile influenzare gli altri. 

Affinché la Vision del Leader sia efficace e persuasiva deve essere sostenuta dall’esempio, da ciò che si fa concretamente, in quanto solo così si potrà essere una guida: l’elemento importante è che vi sia coerenza tra ciò che si dice e ciò che si fa per essere credibili ed ispirare Fiducia. 

Leadership di gruppo e senso di responsabilità

Un Leader si assume la Responsabilità dei propri risultati, positivi o negativi che siano. Non incolpa le circostanze o l’ambiente esterno di come si sente e di ciò che non riesce a fare, ma se ne assume la piena responsabilità e quindi sa che sta a lui cambiare la situazione e che ha il potere di farlo. 

Il Leader deve sfidare le proprie personali regole di comportamento, ed essere sempre pronto ad espandere i propri confini personali (la zona di comfort), anche rischiando di avventurarsi in ciò che si teme. 

Oggi le parole Leader e Leadership sono sempre più indistintamente abbinate al saper essere Leader innanzitutto di sé stessi. 

Oltre a coltivare un senso di responsabilità, il leader deve saper riconoscere e gestire gli stati d’animo.

Come fa un leader a gestire le emozioni? 

Qui ti anticipo qualcosa che ti spiegherò anche nell’articolo sulla gestione delle emozioni.

La capacità fondamentale di chi sa gestire sé stesso è quella di saper gestire il proprio stato emozionale, di riuscire ad uscire da stati improduttivi nel momento in cui questi diventano un ostacolo, a maggior ragione quando si è Leader di un Team e ci si deve confrontare con le persone, le loro emozioni e lo stato d’animo collettivo. 

Paura, ansia, insicurezza sono tutte emozioni che limitano la capacità d’azione. 

La capacità di gestire le nostre emozioni deriva dalla consapevolezza che non sono gli eventi a determinare i nostri stati d’animo ma il significato che attribuiamo loro. 

Tale consapevolezza ci rende padroni delle nostre emozioni, permettendoci di passare da uno stato d’animo improduttivo ad uno potenziante, cambiando la nostra Fisiologia, il Linguaggio che usiamo per comunicare con noi stessi ed il Focus Mentale, ovvero l’aspetto della realtà su cui concentriamo la nostra attenzione. 

Parti dal cambiare il tuo stato fisiologico 

Il Corpo come risorsa fondamentale, corpo e mente sono da secoli strettamente correlati: come mi sento fisicamente, ciò che esprimo attraverso il corpo (fisiologia) è la rappresentazione dei pensieri che ho in quel dato momento, dello Stato d’Animo in cui mi trovo. 

Cambiare fisiologia significa cambiare anche lo stato d’animo. Preservare una fisiologia positiva, prendersi cura del proprio corpo, salute ed energia, significa poter affrontare le sfide della vita con lo stato fisico e mentale migliore. 

Il nostro dialogo Interno determina come ci sentiamo, la “storia che ci raccontiamo”, il significato che diamo alle cose saranno per noi la realtà. Usare il nostro Dialogo in modo positivo ci consente di intervenire significativamente sul nostro stato d’animo. 

L’importanza del FOCUS MENTALE

Ciò su cui siamo concentrati determina la nostra realtà. Se decido di acquistare un determinato modello di auto magicamente vedrò quel modello dappertutto, come se tutti avessero deciso di acquistarla in quel momento; se il mio Focus è sulla tristezza, insoddisfazione, vedrò tristezza e insoddisfazione in ogni cosa, se sono focalizzato sul successo, sui risultati, sul benessere, sarà ciò che vedrò e che la mia mente andrà a ricercare. 

Chiarisci bene i tuoi valori

I nostri Valori sono il fondamento della nostra vita, una luce guida che ci porta a prendere le decisioni determinanti per il nostro cammino. 

Per raggiungere livelli di massima realizzazione nella vita è fondamentale decidere quali sono le cose realmente importanti per noi, conoscere i nostri Valori più alti. Vivere secondo i nostri Valori, agire coerentemente con quello che secondo noi è il senso della vita ha il potere di conferirci una felicità duratura, una sensazione di sicurezza , di pace interiore e di totale congruenza. 

Il Leader di un Team dovrà definire i Valori dell’Azienda, comportarsi in modo congruente con essi e farli condividere al Team. I Valori guidano i comportamenti, è fondamentale conoscere tali principi guida, se mancano i Valori si è vittima della marea, saranno i comportamenti degli altri e gli eventi a guidare le nostre scelte. 

Sii consapevole di ciò che vuoi veramente! (cosa vuoi veramente in questo momento?)

Un uomo senza una meta è come una nave senza timone e prima o poi finirà sugli scogli. Troppe persone non sanno dove stanno andando, non hanno obiettivi a breve, medio o lungo termine e vivono alla giornata, trasportate dalle onde. 

Se vogliamo guidare noi stessi e soprattutto guidare un Team è fondamentale sapere dove! 

Sapere dove si vuole andare coincide con la scelta di un obiettivo, che perseguiremo e faremo perseguire con maggiore forza quanto più forte sarà lo scopo, il motivo per cui vogliamo raggiungerlo. 

“Quando sai quello che vuoi e lo vuoi intensamente, troverai un modo per raggiungerlo” (Jim Rohn)

Devi confidare in te stesso

Al Leader, in quanto guida innanzi tutto di sé stesso verso la realizzazione dei propri obiettivi, non può mancare tra le sue doti la Fiducia in sé stesso, la capacità di credere nella riuscita.
Le nostre Credenze dirigono le nostre azioni, le persone di successo hanno credenze di successo, convinzioni che permettono loro di ottenere risultati fuori dalla norma. 

Devi essere capace di mantenere delle relazioni 

Il Leader si distingue anche per la sua capacità di creare legami ed attrarre a sé le persone. 

Sa ascoltare attivamente, mostrando un sincero interesse per ciò che gli viene raccontato, sa anche “leggere tra le righe”, ovvero intuire le Credenze e i Valori dell’altro, interpretando il suo linguaggio non verbale. 

L’Ascolto Attivo, oltre a soddisfare il bisogno di importanza dell’altro, predispone alla comprensione, comprendere quali sono le motivazioni che hanno spinto qualcuno a dire o fare qualcosa prima di giudicare o sentirsi feriti è il modo migliore per evitare conflitti dannosi per la squadra. 

Dimostrare sincero interesse per l’altro permette di entrare in sintonia con lui, tanto da fargli accettare persino le nostre critiche, poiché le percepirà come segno del nostro desiderio di contribuire alla sua crescita. Al contrario, l’interesse “interessato”, verrà facilmente percepito dall’inconscio come adulazione con un “secondo fine”. 

L’essere Disponibili nei confronti degli altri è un modo per dimostrare fattivamente quanto l’altra persona sia importante per me. 

E’ necessario però non confondere l’essere disponibili con l’essere a disposizione: nel primo caso scegliamo deliberatamente di fare qualcosa per qualcun altro, nel secondo siamo incapaci di dire “no” alle richieste altrui, e come spesso accade, ne siamo vittima e ne riceviamo in continuazione creando una realtà in cui gli altri tendono ad approfittarsi di noi.

Chiedere scusa quando si sbaglia, molte persone non sono capaci di chiedere scusa e vivono l’ammissione dei propri sbagli come una terribile debolezza. Scusarsi sinceramente e onestamente è invece il modo migliore per ripianare immediatamente un debito e tende a far aumentare la stima che le altre persone nutrono per noi.

Prestare attenzione alle piccole cose: a volte siamo così presi da noi stessi, dai nostri progetti e problemi, che ci dimentichiamo che le piccole cose hanno una grandissima importanza. Una frase gentile, una gratificazione, il riconoscimento di un buon lavoro svolto, un ringraziamento sentito, fanno sempre la differenza nei rapporti. 

team worrking e leadership

Devi diventare il coach del tuo team

Si definisce coaching il processo attraverso il quale si aiutano individui e gruppi di persone a raggiungere il massimo livello delle proprie capacità di performance” (Robert Dilts)

Essere Coach del proprio Team significa trasportare le persone da uno stato di partenza ad uno stato desiderato, allenando le menti delle persone a sviluppare le proprie potenzialità, innescando e facilitando un processo di Miglioramento

Inserire la mentalità da Coach nel proprio stile di Leadership, rende molto più efficaci. 

Una mentalità da Coach ha il grandioso vantaggio di procurare al Leader la capacità di scoprire la Motivazione delle persone, le loro Credenze, Valori e regole di vita che lo influenzano o lo limitano, al fine di generare uno stato di consapevolezza sul quale far leva per attivare un cambiamento. 

Il Coach guida, dà Feedback e direttive per garantire performance di successo; fornisce supporto, incoraggiamento e aiuto nello sviluppo delle capacità necessarie per raggiungere standard più elevati. 

Direttamente proporzionale all’attività di apprendimento, il coach non si limita a guidare e dare l’esempio, non si  accontenta di insegnare delle tecniche, va decisamente oltre, portando le persone a scoprire e sviluppare le proprie potenzialità tenendo alto il livello di motivazione e lo stato d’animo necessari all’attuazione del cambiamento. 

Un Coach è una persona che guida e dà insegnamenti ad un’altra persona, la dirige incoraggiandola e consigliandola, ne sviluppa le potenzialità. 

Il lavoro di squadra è l’abilità di lavorare insieme verso una visione comune. L’abilità di dirigere ogni realizzazione individuale verso un obiettivo organizzato. E’ il carburante che permette a persone comuni di ottenere risultati non comuni. 

Giorno per giorno il tuo team può rafforzarsi attraverso le esperienze e le relazioni di tutti i giorni. Con il tempo e l’attenzione a questi consigli presto il tuo gruppo sarà un Team di successo. 

Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso…lavorare insieme un successo.”

Henry Ford

 

Vuoi ricevere ogni giorno nuovi consigli e approfondimenti sul team working o su altri argomenti utili per la tua crescita professionale e personale? Iscriviti alla nostra community Facebookil luogo migliore per crescere e formarsi insieme! Ti aspettiamo!

Simone Rosati

Phd, Trainer e Coach

L'autore

Simone Rosati

Phd, Trainer e Coach

Ora tocca a te! Vuoi ottenere di più dal tuo business?

Contattaci per chiedere una consulenza personalizzata.

    Scegli l'argomento:

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori.