A 24 anni entra in Ferrero spa, come field key account, portando specializzazione professionale nel Canale della GDO. Dopo 5 anni di ruoli commerciali, Assunta Susy Spagnuolo porta il suo know how ad Alba, a servizio della strategia aziendale adottata dal Customer Marketing, 

A 34 anni passa in Heineken, dove prosegue la sua carriera, applicando alla categoria birra innovative attivazioni, accrescendo marginalità e visibilità ai brand in gestione per territori specifici.

E solo nel 2021, nella gestione dei cambiamenti generati dal Coronavirus, ritorna a vivere con suo marito nell’amato territorio originario, riportando a casa la sua ormai completa formazione professionale, come Trade Marketing & Category Manager canale Retail in KIMBO.

Assunta Susy Spagnuolo è oggi specializzata nelle strategie di marketing applicate ai clienti della GDO. Professionista che per motivi di lavoro ha viaggiato molto e che pone proprio la qualità lavorativa al primo posto rispetto ad ogni cosa e dopo 11 anni, durante la pandemia Susy è riuscita ad ottenere il suo punto fermo fisico, nella sua città di origine.

Durante la difficile situazione sanitaria ha un’esperienza nel settore Ho.re.ca. applicando new way of working per fronteggiare il periodo che abbiamo vissuto e che in parte stiamo ancora vivendo.

Trovare soluzioni smart ed alternative per ottimizzare il lavoro è una sua prerogativa e si racconta per noi.

Cosa hai fatto per orientarti nel mercato in questa fase storica? 

Ho ragionato su come il contesto abbia influito su di me e provato a trasferire nel lavoro la mia esperienza personale. Credo che ci sia bisogno di vicinanza e di ascolto attivo per fare rete e continuare a raggiungere risultati soddisfacenti sia per i fornitori sia per i clienti.

Quali sono le competenze che hai messo in campo? 

Osservazione del cambiamento, ragionamento critico e volontà di vedere le mutazioni del mercato nel contesto vissuto.

Come rispondi ad un mercato incerto e volatile? 

Con test e monitoraggio performance.

Susy ha infatti testato e sviluppato un metodo di vendita utilizzando le meccaniche del digital, ovvero la situazione in cui il cliente finale non acquista direttamente presso il punto vendita selezionato, bensì sfruttando l’enorme volume della spesa on line. 

L’idea è stata molto semplice e consisteva nell’opportunità di aggiungere alla normale spesa on line un prodotto “beverage” permettendone così la consegna gratuita. 

Sicuramente questo evidenzia ancora di più come il canale, se potenziato, genera risultati sul lungo termine.

Quanto ti fai guidare dalla tua vision e in che modo?  

Mi serve che mi guidi, ma sono sempre aperta all’ascolto.

Hai colto opportunità da questo momento?  

La produttività è cambiata, non ci sono stati  tempi morti, in questa situazione si è più concentrati e si possono focalizzare le energie sul lavoro senza avere interferenze. Inizialmente non è stato facile mantenere le performance di vendita e i contatti con i clienti, poiché molti di loro hanno iniziato a ridurre sensibilmente gli investimenti economici.

Per rispondere a questo calo di richieste ho iniziato così a sviluppare una serie di attività come, per esempio, la presentazione dei piani di vendita, chiaramente in modalità remota: i partecipanti erano collegati da diverse città e da diverse postazioni e hanno partecipato comodamente ed in maniera agile anche a distanza. Questo ha semplificato la possibilità di incontrarsi e ha inoltre incrementato il loro coinvolgimento, dato che di solito durante queste riunioni o appuntamenti ci si rivolge spesso solo a poche persone . 

Cosa hai innovato nella tua azienda o nel tuo ruolo?

Ho costruito tassello dopo tassello il customer marketing. I ruoli commerciali sono l’anima dell’azienda e vanno sempre ascoltati nelle decisioni aziendali. Le strategie, alle volte, peccano di essere stagne. Il fluido è generato dalle vendite. Un’azienda con una chiara strategia deve trasferire conoscenze all’esterno e all’interno della sua struttura. Ma l’esterno deve dettarne tempi ed esigenze, non il contrario.


Cosa ti servirebbe per essere ancora più agile?

Un’azienda che creda nei progetti dei pionieri.

Un po’ di coraggio nella ricerca dell’innovazione, soprattutto in ambito tecnologico.

Assunta Susy Spagnuolo ci racconta di un progetto relativo alla consegna in macchina durante le code e ci evidenzia come il delivery stia ormai prendendo quota, lo dimostrano i dati in incremento di diverse società ed app di acquisto on line. Le abitudini dei clienti stanno cambiando velocemente e il lock down è stato un acceleratore di questo processo.

Siamo dunque di fronte a nuove frontiere del lavoro che vanno ottimizzate e innovate.

Vogliamo ringraziare Susy Assunta Spagnuolo per la sua professionalità, la mente innovativa e la capacità di cogliere al meglio le occasioni che il momento ha offerto, mantenendo un occhio critico ed obiettivo sulla produttività e sulle nuove possibilità nella gestione e organizzazione del lavoro.

Gaia Carnesi

L'autore

Gaia Carnesi

Ora tocca a te! Vuoi ottenere di più dal tuo business?

Contattaci per chiedere una consulenza personalizzata.

    Scegli l'argomento:

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori.